Home Page

Blue Whale Challenge, Abaterusso: se ne occupi il Consiglio regionale

Data: 06/11/2018 - Ora: 10:29
Categoria: Politica

abaterusso

"Bisogna informare sul pericoloso fenomeno sociale e arginarlo"

"Quello che è accaduto qualche giorno fa in provincia di Bari, dove una ragazza di 13 anni è stata salvata dalle forze dell’ordine mentre era in procinto di togliersi la vita partecipando al Blue Whale Challenge, è un fatto gravissimo e allarmante. Purtroppo non è la prima volta che avvengono fatti simili che richiamano tutti noi a una presa di responsabilità e ci impongono di dare una risposta forte e netta". A sostenerlo è Ernesto Abaterusso, Presidente del Gruppo consiliare LeU/I Progressisti, che si è fatto promotore di una mozione in Consiglio regionale sul tema.

Non è un argomento di cui si parla molto e men che meno un argomento che gli adulti affrontano nei confronti degli adolescenti. E' il Blue Whale Challenge, un fenomeno sociale pericoloso per i ragazzi a tal punto che nel gioco macabro è prevista la morte del soggetto. I fenomeni nuovi vanno affrontati di petto coinvolgendo tutto le istituzioni all'informazione del problema e alla formazione per arginarlo, a partire dalle famiglie e dalla scuola.

Anche la politica deve essere interessata ai problemi che si vivono ogni giorno. "Parlare del Blue Whale Challenge - spiega Abaterusso - vuol dire parlare di un fenomeno sociale che sta coinvolgendo in maniera crescente i nostri giovani, in particolare i soggetti più fragili, i quali vengono indotti ad azioni pericolose per la propria vita, fino ad atti di vero e proprio autolesionismo quando non anche al suicidio". "Per questo - conclude il Capogruppo di LeU/I Progressisti - ho sentito il dovere di presentare una mozione con la quale intendo impegnare la Giunta regionale ad avviare campagne di informazione e sensibilizzazione in merito al fenomeno del Blue Whale Challenge in particolare e ai pericoli dei social network in generale, rivolte a genitori, insegnanti e a tutti quei soggetti che partecipano all’educazione degli adolescenti. L’obiettivo è quello di fornire gli strumenti necessari per riconoscere i segnali che possono identificare la partecipazione a questo subdolo gioco da parte dei giovani, informare sui pericoli che si corrono e, nel caso, chiedere aiuto".

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
44 1 2 3 4
45 5 6 7 8 9 10 11
46 12 13 14 15 16 17 18
47 19 20 21 22 23 24 25
48 26 27 28 29 30
« Novembre 2018 »
Mesagne (BR) dal 09/11/2018 al 25/11/2018

Cinecronici

Lecce dal 10/11/2018 al 27/11/2018

Corrispondenze

Lecce dal 22/11/2018 al 06/01/2019

Natale in Salento

Festività 2018
Lecce dal 19/10/2018 al 31/05/2019

Camerata Musicale Salentina

49esima Stagione Concertistica
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce

Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2018
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati