Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

L'offerta del Dono di Dio è sempre sovrabbondante

Data: 19/09/2023 - Ora: 11:26
Categoria: Cultura

vangelo

XXV Domenica del Tempo Ordinario.


"Il Regno dei Cieli - dice Gesù ai suoi discepoli - è simile a..." e racconta la parabola del padrone di casa che esce, di buon'ora, per cercare lavoratori per la sua vigna; trovatili, li manda a lavorare, dopo aver pattuito con loro, la paga di un denaro per la loro giornata; il padrone esce ancora alle nove, alle dodici e alle tre pomeridiane: trovando gente disoccupata, la assume promettendo il giusto salario. Assume ancora operai che nessuno ha chiamato alle diciassette, per una sola ora di lavoro. Quando giunge il momento della paga, al fattore viene detto di chiamare, per primi, gli operai delle diciassette, cui viene riconosciuto il salario di un denaro, come a tutti gli altri. I lavoratori della prima ora si lamentano di aver avuto una retribuzione uguale agli ultimi, che hanno faticato, per una piccola frazione di tempo. Severo, il padrone, rimprovera gli scontenti: "Non avete pattuito con me tale somma per la vostra giornata lavorativa? Non posso con il mio denaro offrire anche a chi ha lavorato meno lo stesso salario? O siete invidiosi della mia bontà?"
La parabola non fa riferimento ai contratti salariali datori di lavoro-dipendenti, ma spiega che l'offerta del Dono di Dio è sempre sovrabbondante, ai fini della nostra salvezza. Ricordo con tristezza il dialogo fra gente che, ritenendo la propria vita integra moralmente, si sentiva nel diritto di accusare quasi d'ingiustizia Dio che, nella sua imperscrutabile magnanimità, arrivava a salvare, all'ultima ora, il peccatore incallito. Chi è "onesto" deve riconoscere - se ne è capace - la presenza di un sovrappiù di vita divina in sé; soltanto tale dono del Cielo può infatti farci conservare la personale integrità nel vivere. Nessuno può infatti accampare la personale bravura, né l'individuale impegno all'origine della salvezza eterna.

Autore: Mariagrazia Camassa

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2023
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati