Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Commento al Vangelo dell'Epifania

Data: 13/01/2022 - Ora: 11:29
Categoria: Cultura

epifania

Uomo, muoviti dalle due comode chiusure, dai tuoi crucci, dalle tue scelte illusorie che ti deluderanno


Portavano, con loro, anche i nostri sogni bambini i Magi al Presepe; questi sapienti, che giungevano sui loro
cammelli dall'Oriente, fissando una cometa luminosa, di cui parlavano le loro carte! Offrivano al Bambino di
Betlemme doni regali: oro, incenso e mirra, che Gli posavano davanti, prostrati.
È importante che noi diamo una interpretazione corretta alla loro presenza esotica, davanti al Redentore,
nato nel nascondimento, povero, in poche fasce avvolto e, dalla madre, deposto in una mangiatoia.
Dio viene senza pubblicità, in un villaggio sperduto della Galilea, scartato da subito, con i suoi genitori.
Nonostante ciò, Erode, emblema dei potenti della terra, si spaventa, vuole metterlo a morte, mentre invece
i sapienti, così come gli umili pastori, vengono ad adorarLo. Chi sia questo Bambino regale ce lo dice la
Cometa: è la LUCE, che, lasciato il Suo Regno divino, diverso da quelli terreni, ha voluto nascere al mondo
per illuminare gli uomini, avvolti dalle tenebre del loro triste smarrimento; proprio come noi oggi.
L'invito che porta a ciascuno di noi la Solennità dell'Epifania, (il cui significato è "manifestazione" del Figlio
di Dio a tutte le genti ) è assai concreto:
- Uomo, muoviti dalle due comode chiusure, dai tuoi crucci, dalle tue scelte illusorie che ti deluderanno. Tu
sei nato per andare incontro alla Vita, che è LUCE, capace di trasformare il buio che ti svilisce in faro
luminoso.
Tale trasformazione è capace di apportare in noi il Bambino che, scartato, giace in una mangiatoia, al
freddo di una anonima grotta, in un villaggio sperduto. Gesù non è nato, uomo fra gli uomini, per caso:
vuole cambiare la mia, la tua natura caduca nella sua stessa natura divina. Pagherà Egli stesso, morendo
sulla Croce, il prezzo di questa nostra trasformazione, legata alla Sua Resurrezione.
Se volete venire, con me, a trovare il Bambino, fate come i Magi: prendete, con voi, l’oro della condivisione
dei vostri beni con i meno agiati; l'incenso, che vi impegna a lasciare ogni vile idolatria di persone e del
denaro, per rendervi adoratori solo di Dio, e la mirra, profumata e amara, come ogni "purificazione"
umana personale, e accolta, pure se costa dolore. Gesù è sempre con noi, pronto a condividere ogni prova.
Ricordiamo, Dio non si merita, si accoglie, se si vuole diventare, come Gesù, suoi figli.

Autore: Mariagrazia Camassa

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE sui Disturbi del comportamento alimentare e Obesità

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
NON MI CONNETTO a SOL: