Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Il bilancio del 2020: saldo positivo per le imprese della provincia di Lecce

Data: 19/01/2021 - Ora: 15:02
Categoria: Economia

imprese salento

Il bilancio del 2020: saldo positivo per le imprese della provincia di Lecce

Poche le cancellazioni dal Registro imprese, a fronte di un numero maggiore di nuove iscrizioni. In provincia di Lecce, si contano 74.792 aziende, di cui 64.691 attive. È quanto emerge dall’ultimo studio condotto dall’Osservatorio economico Aforisma.

Nonostante l’emergenza sanitaria innescata dal Covid-19, le aperture di nuove attività superano le chiusure. Nel corso del 2020, si sono registrate più imprese di quante se ne siano cancellate. Il saldo della nati-mortalità delle attività economiche resta positivo nel Salento: ne sono state aperte 4.452 e cancellate 3.928 sul totale di quelle registrate.

Lo studio prende in esame tutte le imprese registrate e quelle attive (cioè quelle iscritte in Camera di Commercio, che esercitano l’attività e non risultano avere procedure concorsuali in atto, come sotto-insieme dello stock totale di quelle registrate).

«Gli ingranaggi dell’economia continuano a procedere a velocità diverse», spiega Davide Stasi, responsabile dell’Osservatorio Economico Aforisma. «Non tutti i settori arretrano e non tutti i territori registrano un saldo negativo delle imprese e degli addetti. Uno dei motivi di questa maggiore resilienza è stato l’effetto sortito dalle diverse forme di sussidio, tra bonus, ristori, contributi a fondo perduto e finanziamenti con garanzia pubblica, a beneficio di ditte individuali, lavoratori autonomi, liberi professionisti, società di persone e di capitali, cooperative e consorzi che hanno tamponato la temuta emorragia di imprese. Ma non solo – aggiunge Stasi – perché non possiamo ritenere molto attendibile il raffronto tra il fatturato del 2020 con quelli realizzati negli anni precedenti e la pandemia rappresenta uno spartiacque tra il "prima" e il "dopo". Il fatturato delle imprese rimaste chiuse durante il lockdown, infatti, non è stato realizzato nel corso dell’intero anno, cioè in 12 mesi, ma solo in 8-9 mesi, neppure continuativi, a causa delle limitazioni imposte per poter contenere la diffusione del Coronavirus. Con la riapertura estiva sono incrementate sia le entrate che le uscite, per poi diminuire nuovamente e progressivamente, a partire da metà autunno. I parametri da tenere in maggiore considerazione – sottolinea Stasi – sono ricavi e costi. Se la produzione è ferma, i costi variabili saranno pari a zero. Più aumenta la produzione e più aumentano i costi in modo proporzionale. Le aziende maggiormente penalizzate (dai decreti del lockdown e delle zone "a colori") hanno registrato un calo più o meno marcato del loro fatturato, in relazione ai periodi delle restrizioni, ma contemporaneamente si sono abbassati i costi variabili».

Questo la variazione delle imprese attive dal 31 dicembre 2019 al 31 dicembre 2020: le costruzioni +181 unità (da 9.368 a 9.549); l’agricoltura +145 (da 8.984 a 9.129); le attività professionali, scientifiche e tecniche +101 (da 1.614 a 1.715); le attività immobiliari +44 (da 1.075 a 1.119); il noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese +40 (da 1.753 a 1.793); le attività dei servizi alloggio e ristorazione +28 (da 5.497 a 5.525); i servizi di informazione e comunicazione +28 (da 1.057 a 1.085); le attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento +20 (da 975 a 995); le attività finanziarie e assicurative +17 (da 1.206 a 1.223); l’istruzione +17 (da 351 a 368); la sanità e l’assistenza sociale +13 (da 671 a 684); il trasporto e magazzinaggio +10 (da 1.099 a 1.109). In fondo alla classifica, le attività manifatturiere -55 (da 5.514 a 5.459) e il commercio -109 (da 21.279 a 21.170).

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
9 1 2 3 4 5 6 7
10 8 9 10 11 12 13 14
11 15 16 17 18 19 20 21
12 22 23 24 25 26 27 28
13 29 30 31
« Marzo 2021 »
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2021
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati