Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

La potenza dell’Amore di Dio

Data: 18/01/2021 - Ora: 11:29
Categoria: Cultura

preghiera

La potenza dell’Amore di Dio, trasmessa anche a noi
dagli sguardi dei Suoi amici.

I nostri sguardi rivelano sempre il cuore che ci anima e sono vita per quanti
amiamo. Giovanni, evangelista, in questo brano del suo Vangelo, ci apre alla
potenza dell'Amore divino che si trasmette al Precursore, come conoscenza del
figlio di Dio e profezia sul suo progetto salvifico degli uomini.
Come non invidiare il Battista che sa "vedere" Atteso dalle genti, nel Messia,
uomo apparentemente comune, semplice, e sa "riconoscere", in Gesù stesso,
"Agnello di Dio, il Redentore.
Il precursore sa che lui deve diminuire, mentre il Messia deve crescere, perciò
con un semplice "Seguite LUI" pone alla sequela del Signore, due che erano
suoi discepoli.
Andrea (questo è il nome di uno dei due ) e "l'altro" vanno subito dietro al loro
nuovo Maestro, che, udendoli alle sue spalle, si volta e chiede: "Che cosa
cercate?"
E i due "Maestro, dove abiti?" (domanda che noi integriamo con "vogliamo
coabitare con Te").
Ai due Gesù -"Venite e vedrete" - rivolge l'invito. È il primo appuntamento fra
i tre: sono le quattro di pomeriggio!
Così comincia ogni sequela cristiana: un incontro con Gesù, ancora vivo nel
Vangelo, nei sacramenti, nel fratello, quindi un invito intimo alla "sua" sequela,
che sconvolge la vita precedente.
Di Andrea meraviglia la capacità immediata di portare all'incontro con il
Signore anche Simone, suo fratello, che Gesù si ferma a "guardare negli occhi
fino a vederne l'intimità del cuore" (luogo in cui Egli ci conosce), quindi gli
cambia il nome :"Ti chiamerai Pietro" (eri Simone).
Il nome dell'uomo è importante per Dio perché esprime la nostra verità e la
missione che il Cielo propone. Per l'Eterno, non siamo mai stati anonimi, dal
momento in cui siamo stati concepiti.
Simone, pescatore, cittadino di Cafarnao, per carattere vivace, concreto,
passionale, diverrà Pietro e su quest’uomo Gesù fonderà la sua Chiesa, contro la
quale non prevarranno le porte dell'inferno. Posto a capo degli Apostoli, Pietro
rimane un peccatore, come noi; tradirà il Maestro, che va "a morire", ma avrà il
coraggio di pentirsi della colpa, piangendo e ottenendone il perdono. Morirà martire per Cristo, a Roma; vorrà essere crocifisso testa in giù perché non
accetta di occupare, sulla Croce, la posizione del suo Signore.
Lasciamoci guardare dal'Agnello, immolato anche per noi. Trasformerà, in
LUCE, la nostra vita fragile, spesso incline al peccato. Verrà, alla fine, il giorno
in cui, nei Cieli, Gesù, anche a noi, darà il nome nuovo, da salvati.

Autore: Mariagrazia Camassa

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
9 1 2 3 4 5 6 7
10 8 9 10 11 12 13 14
11 15 16 17 18 19 20 21
12 22 23 24 25 26 27 28
13 29 30 31
« Marzo 2021 »
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2021
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati