Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

La proposta di intitolare il DEA di Lecce al prof. Gismondi

Data: 18/06/2020 - Ora: 13:34
Categoria: Cultura

dea

La porposta dall'Ordine dei Medici di Lecce

L'OMCeO di Lecce ha proposto alla ASL di intitolare il DEA di Lecce al Prof. Gismondi, sia per un doveroso riconoscimento ad uno dei più illustri professionisti che nel nostro territorio ha dedicato la sua vita all'urgenza-emergenza, sia per sottolineare la specificità della struttura e augurare nel migliore dei modi l'inizio delle attività aderenti all'ambizioso progetto costitutivo, sia per offrire alle giovani generazioni di operatori sanitari e a tutti i cittadini un esempio e un riferimento professionale e valoriale. In allegato la lettera che a tal fine è stata inviata ai vertici dell'ASL Lecce.

Di seguito la lettera che l'Ordine dei Medici Chirurgi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecce ha inviato al direttore generale, al direttore amministrativo e al direttore sanitario.

"Il prof. Antonio GISMONDI dopo aver formato la sua solida maturazione scientifica nelle più prestigiose scuole italiane e mondiali (quella chirurgica del prof Ruggieri, farmacologica del prof. Donatelli, anestesiologica, ecc.) fu assunto dal 1966 nell’Ospedale V. Fazzi di Lecce: rappresentò il pioniere nel nostro territorio delle moderne procedure anestesiologiche e il creatore di un Centro di Rianimazione (disciplina da poco importata dagli USA) tra i primi del Sud Italia, non esistendo all’epoca neppure presso l’Università di Bari.
Attivò il primo Centro di Rianimazione Mobile, inedita modalità di intervento nelle emergenze, riscuotendo vivo interesse in Italia.
Creò il primo Centro Antiveleni in contatto continuo (molti anni prima che esistessero le opportunità del web e delle "reti assistenziali") con i Centri di Milano e del Nord Europa. Realizzò poi il primo Centro di Medicina iperbarica e subacquea, facendo diventare Lecce riferimento in Italia per le patologie trattate (ed in particolare per l’ossigenoterapia iperbarica).
Negli anni ’80 il Centro diretto dal Prof. Gismondi fu tra i primi in Puglia ad avere i permessi ministeriali per il prelievo di organi e per il trapianto di rene e molto si dedicò a sviluppare la cultura della donazione.
Ha intuito tra i primi le potenzialità della neuro-riabilitazione, creando le premesse per l’avvio di tale attività anche nel nostro territorio.
Ha creato le condizioni perché fosse istituita presso il Vito Fazzi una seconda U.O. di Anestesia con competenza specifica in Terapia del Dolore, antesignano della centralità dell'obiettivo di "Ospedale senza dolore"; avviò la Cardio-Anestesia ed il servizio di Emergenza –Urgenza, premessa all'istituzione del 118.
Ha organizzato Congressi Internazionali di alto livello Scientifico (1985, 1990 e 1994) ed altri Convegni Nazionali, con la partecipazione dei massimi esperti mondiali in tema di anestesia, rianimazione, medicina dell’emergenza, medicina iperbarica.

Intuito clinico, attenzione al particolare, visione d’insieme, tenacia sono stati i suoi punti di forza nell’attività clinica. Capacità di motivare e spinta costante all’aggiornamento hanno caratterizzato il rapporto con i suoi allievi. Esigente con se stesso, ha dato esempio di una dedizione totale agli ammalati. Capacità di individuare strade nuove e mentalità sempre aperta alle innovazioni hanno caratterizzato il suo impegno assistenziale e didattico. Centro di Rianimazione, Ossigenoterapia Iperbarica, Centro Antiveleni, Prelievo di organi e trapianto renale, Neuroriabilitazione sono stati alcuni settori che lui ha "creato" dal nulla. Appassionato alla disciplina dell’Anestesia e Rianimazione, è stato punto di riferimento per generazioni di medici ed infermieri, anche di altre branche. Ha fatto conoscere l’Ospedale Vito Fazzi di Lecce in Italia ed all’estero anche con una attività continua di divulgazione scientifica: i Congressi Internazionali da lui organizzati sono ancora vivi nel ricordo di chi ha partecipato, promuovendo anche la conoscenza del nostro territorio di cui lui, campano di origine ma salentino di adozione, andava fiero.
La Sanità salentina e il Salento tutto devono molto a Lui.
Le sue capacità professionali, il rigore scientifico, il rinnovare continuo delle competenze, l’entusiasmo organizzativo sono state premesse perché si realizzasse una vera scuola salentina di anestesia e rianimazione, capace di trasmettere competenze, conoscenze e soprattutto valori che nel tempo si sono sempre più affermati e diffusi. Tale scuola ha consentito ai suoi allievi, raggiungendo ruoli di responsabilità primariale in diversi Ospedali della Provincia ( Caione, Colonna, Di Castri, Gaballo , Micalella, Romanello, Scardia) di rappresentare una delle più importanti eredità nel panorama scientifico e sanitario del nostro territorio.
Per tutti questi motivi riteniamo di interpretare un comune sentire proponendo di

INTITOLARE IL NUOVO D.E.A. di LECCE al
PROF. ANTONIO GISMONDI,

non solo per una doverosa e tangibile riconoscenza verso una delle professionalità che maggiormente hanno dato lustro e orgoglio al nostro territorio (come abbiamo ricordato nelle pagine "Medici Salentini", curate dal nostro Ordine), non solo per sottolineare l’importanza storica della nascita del DEA di 2^ livello, restituito alla sua mission decisiva in un ruolo del tutto diverso dal P.O. V. Fazzi, ma soprattutto perché il nome del Prof. Gismondi rappresenta testimonianza e riferimento per chi oggi è impegnato ad affrontare nuove sfide attraverso straordinarie e inedite opportunità tecnologiche e organizzative, sempre aderenti però ai fondamentali della nostra professione, che pongono al centro la complessità e la fragilità del paziente, particolarmente nelle situazioni estreme dell’urgenza.
Ci sembra proprio questo il modo migliore per onorare e concretizzare la lezione del prof. Gismondi, che soleva ripetere "chi non guarda avanti, rimane indietro".

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
31 1 2
32 3 4 5 6 7 8 9
33 10 11 12 13 14 15 16
34 17 18 19 20 21 22 23
35 24 25 26 27 28 29 30
36 31
« Agosto 2020 »
Otranto (LE) dal 09/07/2020 al 09/09/2020

1979-1992 Piano - Dioguardi: diario di una rinascita

Corigliano d'Otranto (LE) dal 26/07/2020 al 28/09/2020

Fellini in scena! Fotografie di Franco Pinna

Lecce dal 16/08/2020 al 18/08/2020

Cosmic Vegan Fest

VI Edizione
Otranto (LE) dal 17/07/2020 al 20/11/2020

Vera fotografia. Reportage, immagini, incontri

Mostra di Gianni Berengo Gardin
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2020
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati