Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Ratto. Storia e caratteristiche del roditore più controverso

Data: 12/02/2019 - Ora: 10:46
Categoria: Attualità

ratto

Spesso e volentieri sono un vero problema delle nostre città

Il rattus comunemente chiamato ratto è un roditore appartenente alla famiglia dei Muridi. Il sovrappopolamento di questa specie è dovuto al fatto che si tratta di un mammifero straordinariamente prolifico (una femmina di ratto può partorire 12 cuccioli ogni 20 giorni per poi ritornare fertile e generare nell’arco di un anno fino a 100 ratti).

L’uomo ha sempre avuto un rapporto più che conflittuale con questo animale per diverse ragioni, prima fra tutte la presenza di malattie più o meno gravi di cui è portatore; in secondo luogo questo piccolo roditore causa danni alle coltivazioni e ai fili elettrici, per questi motivi l’uomo cerca di limitarne più possibile la presenza.

Facendo un passo indietro nella storia, per comprendere in che misura gli uomini temano i ratti è giusto ricordare di come nel tredicesimo secolo fu responsabile della più grande pandemia che coinvolse l’Europa: la peste nera.
La peste nera sterminò circa un terzo della popolazione dell’epoca, il roditore infatti infilandosi nelle navi mercantili, razziava e contaminava il grano trasportato e consumato dalle persone.
Questa malattia non lasciava scampo e la medicina non era in grado di fronteggiare un’epidemia così grave e d’incomprensibile origine.
Venivano impiegati metodi empirici legati a teorie, seppur di base errate, casualmente efficaci grazie al fatto che in base alla falsa credenza che la peste provenisse dai venti caldi e umidi del sud, i medici consigliavano di mantenere gli ambienti secchi attraverso il calore del fuoco: oggi sappiamo che le pulci dei ratti (alla base del contagio) sopravvivono meglio in luoghi freddi e umidi che in ambienti secchi e caldi.
L’accortezza di mantenere il calore negli ambienti, ha probabilmente tenuto a bada il contagio salvando dalla peste Papa Clemente VI barricatosi in Vaticano per tutto il tempo dell’epidemia.

Ad oggi, grazie all’avvento degli antibiotici e della medicina , la peste è un lontano ricordo, e le malattie che portano i topi sono raramente mortali, ma sarebbe un errore sottovalutare la loro carica infettiva, poiché vivendo nelle fogne, i ratti sono principale veicolo di un sacco di batteri pericolosi per l’uomo (tra cui la leptospirosi, malattia infettiva che se non curata tempestivamente con gli antibiotici, può portare alla morte.)
I topi vengono utilizzati dall’uomo come cibo per animali addomesticati (serpenti o rettili) e vengono selezionati come cavie da laboratorio a causa della loro analogie anatomiche con gli esseri umani.
In particolare la sperimentazione dei topo risulta utile in campi medi quali oncologici, genetici, tossicologici e farmacologici.
La scienza spera in un futuro non tanto remoto di poter far a meno di questa pratica, anche se nel 2011 in un articolo su Nature il 92% della comunità scientifica ammette l’indispensabilità della sperimentazione animale poiché ad oggi non esiste nessuna valida alternativa possibile.

Se nella cultura Occidentale il topo è un animale da evitare in qualsiasi modo, in altri posti come Thailandia, Indocina, Vietnam rappresenta una fonte di cibo squisito e ricco di proteine. Contrariamente a quanto si possa credere, questo piccolo roditore è stato sempre incluso nella dieta onnivora dell’uomo sin dalla preistoria e nel nostro continente (specialmente in Francia).
In Cina oggi vari ristoranti propongono piatti a base di topi escludendo qualsiasi malattia grazie al fatto che la carne provenga da esemplari ruspanti di campagna e perfettamente sani.
Salentonline consiglia una nuova lettura sul tema proponendo un’intervista a un ad un derattizzatore vs animalista per permettere ai lettori di conoscere le opinioni contrastanti da parte esperto e dall’altra una persona la cui morale non ammette nessuna tecnica di sterminio.

Autore: Susanna Conte

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
31 1 2 3 4
32 5 6 7 8 9 10 11
33 12 13 14 15 16 17 18
34 19 20 21 22 23 24 25
35 26 27 28 29 30 31
« Agosto 2019 »
Taviano (LE) dal 29/06/2019 al 22/08/2019

Girodicorte

Lecce dal 26/06/2019 al 31/10/2019

La vita è una fiaba...

dal 01/01/2019 al 31/12/2019

Stage/ Corsi/ Laboratori

Formazione 2019 in Salento
Melpignano (LE) dal 09/07/2019 al 27/08/2019

Racconti d'Autore

Musicisti racconteranno altri musicisti
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2019
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati