Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Offese e minacce alle forze dell'ordine sul recinto del presepe. Dura condanna dell'Arcivescovo

Data: 05/12/2018 - Ora: 10:53
Categoria: Attualità

offese

Il presepe sarà inaugurato sabato 8 dicembre in Piazza Duomo

Due grandi scritte nere attribuibili probabilmente a gruppi anarchici sul recinto metallico del cantiere del
presepe in costruzione in piazza Duomo. "Più sbirri morti" e "Acab" (All Cops Are Bastards. In italiano:
tutti i poliziotti sono bastardi) le frasi comparse, entrambe seguite dalla A cerchiata, il simbolo più noto
del movimento anarchico.
Dura la condanna dell’arcivescovo Michele Seccia che si è accorto del misfatto già alle prime ore dell’alba
mentre si recava a celebrare l’eucaristia in una comunità di suore.
"Un gesto vandalico e incivile che non ha bisogno di troppi commenti - ha dichiarato Seccia - e che in
-
fonde preoccupazione anche in vista dell’apertura del presepe che tra qualche giorno (inaugurazione l’8
dicenbre alle ore 20 ndr) arricchirà con la rappresentazione più simbolica e più tradizionale del Natale
cristiano questo ‘salotto’ barocco".
"Giunga tutta la mia solidarietà - ha proseguito l’arcivescovo avvicinandosi dopo la messa al luogo del
misfatto dove già i carabinieri facevano i rilievi di rito prima di affidare agli operai della ditta che sta rea
-
lizzando il presepe il compito della rimozione delle scritte nere - a tutte le forze dell’ordine troppo spesso
sotto attacco da parte di gruppi che non conoscono il vivere civile e che fanno di tutto per mettere a rischio
la quiete e la sicurezza della città".
"Approfitto di questa infelice occasione - ha concluso Seccia - per manifestare la mia più profonda stima
e il mio personale e doveroso ringraziamento alle autorità preposte all’ordine pubblico e a tutte le forze
di polizia che a tutte le ore lavorano per garantire serenità e sicurezza alla comunità, spesso nel silenzio e
purtroppo, come in questo caso, anche tra le offese e le minacce di gruppi criminali. Spero che questo epi
-
sodio sia l’ultimo. So bene che già in passato Piazza Duomo e la Cattedrale sono state nel mirino di scritte
e danneggiamenti che ne hanno deturpato l’arte e la bellezza: il rispetto delle idee, della cultura, della fede
ma anche delle cose altrui, a maggior ragione se fanno parte del patrimonio comune, è il fondamento e
l’espressione primaria di ogni libertà".

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
18 1 2 3 4 5
19 6 7 8 9 10 11 12
20 13 14 15 16 17 18 19
21 20 21 22 23 24 25 26
22 27 28 29 30 31
« Maggio 2019 »
Lecce dal 18/05/2019 al 15/07/2019

Opere scelte

Parabita (LE) dal 15/05/2019 al 04/06/2019

'A Madonna senza peti

Lucugnano - Tricase (LE) dal 17/05/2019 al 26/05/2019

Festival Armonia

Narrazioni in Terra D'Otranto
Corigliano d'Otranto (LE) dal 27/06/2019 al 29/06/2019

Io non l'ho interrotta

Giornalismo, politica, comunicazione
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2019
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati