Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Pagamento Imu seconde case. A Lecce si paga di più

Data: 14/06/2019 - Ora: 09:40
Categoria: Economia

imu

Giannetto: "Aliquote senza ritocchi, ma così non si aiutano le famiglie"

Scade il prossimo 17 giugno il termine di pagamento dell’acconto Imu-Tasi 2019: il primo con la "leva fiscale" sbloccata. A Lecce-città, l’esborso-medio sarà di 621 euro per le seconde case, lo stesso importo del 2018. Rispetto al dato medio nazionale, le famiglie leccesi verseranno 86 euro in più. Secondo lo studio realizzato dal Servizio Politiche Territoriali della Uil, nel capoluogo salentino la forbice si allarga sino a 1.701 euro per le prime case di lusso, contro una media nazionale di 1.305 euro.

«Anche quest’anno è in arrivo un mini-salasso soprattutto perlavoratori dipendenti e pensionati, che rappresentano il 76 per cento dei proprietari di immobili diversi dall’abitazione principale e sono dunque i soggetti più penalizzati da questa imposta»,commenta il segretario generale Uil Lecce, Salvatore Giannetto.

A livello nazionale, il costo medio complessivo dell’Imu-Tasi sulla seconda casa sarà di 1.070 euro (535 euro da versare con la prima rata di giugno), mentre a Lecce l’importo a saldo raggiungerà la quota di 1.242 euro. Spesa che risulta tuttavia la più bassa in Puglia: a Bari spenderanno in media 1.702 euro (851 euro per la rata di giugno), a Brindisi 1.344 euro (672 euro la prima rata), a Taranto 1.289 euro (645 euro la prima rata) e a Foggia 1.487 euro (744 euro la prima rata).

Chi possiede a Lecce-città una seconda pertinenza dell’abitazione principale della stessa categoria catastale (cantine, garage, posti auto, tettoie), quest’anno dovrà sborsare in media 60 euro (35 per la cantina e 85 per box-posto auto), contro un costo medio nazionale di 55 euro.

Secondo il rapporto Uil, il costo maggiore di Imu-Tasi in valore assoluto per una seconda casa si registra a Roma con 2.064 euro medi; a Milano, invece, si pagheranno 2.040 euro medi; a Bologna 2.038 euro; a Genova 1.775 euro; a Torino 1.745 euro. Valori più "contenuti", invece, ad Asti con un costo medio di 580 euro; a Gorizia con 582 euro; a Catanzaro con 659 euro; a Crotone con 672 euro; a Sondrio con 674 euro.

Non sono molti i Comuni che hanno aumentato le aliquote, dopo tre anni di blocco, complice anche il fatto che quasi 4 mila Comuni, quest’anno, sono andati al voto per rinnovare i propri organi ed anche perché, soprattutto nei capoluoghi di provincia, le aliquote sono già al massimo. Nella maggioranza dei casi, sono state riconfermate le aliquote dello scorso anno (a Lecce l’11 per mille).

«Il fatto che non ci siano stati ritocchi sulle aliquote da parte dei Comuni ci consola, ma le difficoltà delle famiglie a far fronte a questi mini-salassi restano e sono sotto gli occhi di tutti: basti pensare alle numerose vertenze aperte sul nostro territorio, ai posti di lavoro che continuano ad andare in fumo in quasi tutti i settori, senza che si affronti in maniera strategica e sinergica questo dramma», commenta il segretario provinciale Uil Lecce, Salvatore Giannetto. «Il tema della tassazione sulla casa – prosegue - è presente anche nelle "Raccomandazioni Paese" della Commissione Europea quando chiede all’Italia la reintroduzione della tassa sulle prime case per gli "alti" redditi. Una tesi, questa, che avrebbe fondamento per chi ha redditi consistenti, se non ci trovassimo però di fronte a due paradossi: un alto grado di infedeltà fiscale e valori catastali vecchi, iniqui e che non corrispondono al valore reale dell’immobile. Ecco perché, anche a livello territoriale, rilanciamo la proposta più volte avanzata dalla segretaria confederale Uil Ivana Veronese: prima di parlare di reintroduzione di tasse sulle prime case sarebbe il caso di partire dalla revisione dei criteri che regolano i valori catastali, che non dovrà significare maggiori prelievi ma una diversa e più equa ripartizione del prelievo sugli immobili. Ovviamente sempre accompagnando questo processo a una lotta "senza se e senza ma" all’evasione fiscale, anche con un maggiore impegno da parte dei Comuni».

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
40 1 2 3 4 5 6
41 7 8 9 10 11 12 13
42 14 15 16 17 18 19 20
43 21 22 23 24 25 26 27
44 28 29 30 31
« Ottobre 2019 »
Martano (LE) dal 13/10/2019 al 21/10/2019

Sagra de la Volia Cazzata

Alezio (LE) dal 19/10/2019 al 20/10/2019

San Rocco. Festa ad Alezio

dal 01/01/2019 al 31/12/2019

Live Music in Salento 2019

Concerti di musica italiana e straniera
Lecce dal 18/10/2019 al 29/04/2020

Camerata Musicale Salentina

50esima Stagione Concertistica
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2019
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati