Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.


Home Page

Dramma Xylella. Piconese: restituiamo le fasce fino a risposte concrete

Data: 12/03/2019 - Ora: 11:04
Categoria: Politica

xylella

Il Decreto Legge sulle emergenze va riempito dei contenuti per l’area infetta del Salento e di risorse

Si va verso una presa di posizione dura di circa 70 sindaci tra cui quello di Uggiano La Chiesa, Salvatore Piconese: "restutuire la fascia tricolore da primo cittadino fino a quando non vengono prese decisioni congrue al dramma della xylella". I sindaci erano presenti ieri durante una riunione in Provincia di Lecce voluta dal Presidente Minerva, hanno denunciato lo stato dell'arte, il decreto Centinaio che non copre le esigenze delle imprese agricole e la Regione Puglia ferma da anni su fondi comunitari e misure straordinarie.

Dal documento si legge: Il Governo nazionale e la Regione Puglia dovranno mettere in campo con urgenza i seguenti provvedimenti:
1) richiesta dell'attivazione del Regolamento comunitario 1040/2002 che consente di risarcire, oltre alle aziende agricole, anche i piccoli proprietari olivicoli, che in provincia di Lecce, costituiscono l'80% del totale;
2) costituzione del fondo di rotazione, per un importo di 200 milioni di euro, al fine di consentire un'immediata liquidità alle imprese. In tal senso proponiamo una bozza di regolamento che renda immediatamente realizzabile questo obiettivo;
3) rimodulazione delle misure del PSR, ovvero la costituzione di una sottomisura alla 'misura 4.4' per consentire un immediato intervento sull'ambiente e sul paesaggio;
4) attivazione del Regolamento comunitario per le cause di forza maggiore, come ampiamente verificato dall'On. Massimo Paolucci (Europarlamentare di Articolo Uno MDP) presso la Commissione europea: ciò consentirà di salvare immediatamente una serie di imprese che, non essendo riuscite a rispettare il business plan della vecchia programmazione, oggi sono ridotte alla canna del gas, ossia sulla via del fallimento aziendale.
Inoltre, in qualità di Sindaco, e vista la portata dell'emergenza, considero rilevante la richiesta di utilizzo delle risorse presenti nel FERS e utilizzabili per interventi urgenti e immediati nell'ambito degli spazi pubblici (aree parco, aree industriali, terreni marginali), che costituiscono sacche di presenza dei vettori (e fonte anche inoculo).
Tali aree vanno necessariamente "bonificate" mediante azioni mirate al ripristino delle misure 712 e 722 del vecchio Por 2007-2013.

Anche Coldiretti concorda con la presa di posizione dei primi cittadini: "L’Assessore regionale all’Agricoltura non ha mai convocato il "Comitato consultivo permanente per la prevenzione, il controllo e la eradicazione del Batterio da quarantena Xylella fastidiosa", istituito con delibera di Giunta regionale nel lontano novembre 2014. Sono passati oltre 4 anni in cui è stato dato spazio, invece, ad una inconsistente e dannosa "tasck force", fucina di messaggi controproducenti all’attività di contenimento del batterio", afferma il presidente di Coldiretti Lecce, Gianni Cantele, al presidio davanti al Palazzo della Provincia, in occasione della riunione dei Sindaci del Salento.

"Il Decreto Legge sulle emergenze va riempito dei contenuti per l’area infetta del Salento e di risorse – ha continuato Cantele - perché così com’è è una scatola vuota e l’Assessore regionale, da coordinatore degli Assessori all’Agricoltura in Conferenza Stato – Regioni e da interlocutore diretto del Ministro e delle strutture Ministeriale, ha avallato un provvedimento del tutto inadeguato. Senza deroghe ai vincoli nazionali paesaggisti, idrogeologici e di qualunque altra natura agli espianti per l’area infetta delle zone ormai distrutte dal batterio, il nostro territorio è ingessato e destinato ad una morte a cui nessuno di noi si arrende".

Sono ancora al palo ben 100 milioni di euro del PSR per i bandi per espianti e reimpianti, gli investimenti e i frantoi, le aziende al collasso sono costrette a pagare le cartelle dei consorzi di bonifica– denuncia Coldiretti Puglia - i vivai ancora non possono movimentare le piante all’interno dell’area infetta.

Autore: Maria Nocera

Invia commento

Commenti su questo articolo

Documenti

Link

Risorse correlate

Ultimi video della categoria

Ultime notizie della categoria

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

BitMeeting - Organizza le tue riunioni quaificate on-line

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master universitario ON LINE in Governance Digitale

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Master ON LINE in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata

Banner AIL Salento

Banner AIL Salento

CARLA E ANNACHIARA QUARTA

CARLA E ANNACHIARA QUARTA
W L M Me G V S D
27 1 2 3 4 5 6 7
28 8 9 10 11 12 13 14
29 15 16 17 18 19 20 21
30 22 23 24 25 26 27 28
31 29 30 31
« Luglio 2019 »
Lecce 18/07/2019

Passaggio in Salento

Taviano (LE) dal 29/06/2019 al 22/08/2019

Girodicorte

dal 01/01/2019 al 31/12/2019

Feste patronali 2019

Eventi in Salento
Melpignano (LE) dal 09/07/2019 al 27/08/2019

Racconti d'Autore

Musicisti racconteranno altri musicisti
Torna a inizio pagina
RECAPITI E INFO

Sede amministrativa:
Via 95° Rgt. Fanteria, 70
73100 Lecce
Tel. 0832 34 40 41
Fax 0832 34 02 28 

info@sudnews.tv

Privacy Policy
Cookie Policy

SUDNEWS

Editore: ClioCom
Testata giornalistica
Reg. Tribunale di Lecce
31 Agosto 1995 n. 617

ClioCom © 2019
Clio S.r.l. Lecce
Tutti i diritti riservati